Anna Llenas e i suoi barattoli delle emozioni 

Ieri, dopo aver letto questo libro, uno dei miei bimbi mi ha chiesto se nel barattolo rosa, quello dell’amore, può mettere Il suo cane, ” Perché a me piace tanto.”
Direi proprio di si, è stata la mia risposta. 

Da qui, tante richieste diverse su cosa sia possibile chiudere nel barattolo dell’amore. Famiglia, animali, libri che si amano particolarmente e poi la domanda: ” Tu Stella ci metti dentro il tuo fidanzato?!”
Ebbene si, quando avrò un fidanzato, cercherò in tutti i modi di metterlo nel barattolo rosa. 

Per ora l’idea di un fidanzato resta nel barattolo nero, quello della paura. So che ci uscirà prima o poi e il barattolo nero sarà aperto solo per altre occasioni. 

Nel frattempo nel mio di barattolo rosa ci voglio mettere tutto il resto. Perché la cosa importante è essere grati per quello che si ha e che ci rende davvero felici.  Il libro di Anna llenas è davvero bellissimo e mi ha regalato, insieme ai nostri bambini, un momento davvero unico e indimenticabile. 

Tanti abbracci 

Oggi primo giorno di Asilo! Finite le vacanze anche per quasi tutti i miei bambini che stamattina puntuali sono arrivati pronti per un nuovo anno. Struttura nuova, ambienti nuovi e un grande giardino tutto per loro. 

Come se loro sapessero di cosa avevo bisogno, mi sono corsi incontro e forte forte mi hanno abbracciato, uno alla volta con gli occhi che brillavano. 

Ecco di cosa avevo bisogno… Di tanti abbracci sinceri. 

A più tardi! 

A Più tardi!

A più tardi! di Jeanne Ashbé é un libro semplice, dolce, di facile lettura ma con un grandissimo significato. Indicato per il periodo dell’ambientamento in asilo, non escludo che si possa leggere con i bambini anche in qualsiasi altro periodo dell’anno. Al momento del distacco dalla mamma ogni bambino reagisce diversamente e questo libro può aiutare a capire quanto sia bello stare con i compagni e con le maestre sapendo con certezza che ci sarà il momento del ritrovarsi, quando la mamma verrà a riprendere il piccolo in asilo. Ogni genitore può trovare una strategia con la quale tranquillizzare il bambino durante il distacco ma la cosa più importante è l’essere tranquilli e avere fiducia nelle persone alle quali si sta lasciando il proprio figlio. Forse sarà dura i primi giorni, le prime settimane ma poi, quando il bambino si sarà ambientato, sarà tutto più facile. Libro consigliatissimo!