Expo per bambini.

Da mesi si parla di Expo, pubblicità, articoli e commenti riempiono la pagine di giornali e social. Finalmente ci sono stata anche io e posso scrivere questo post. Ho fatto visita ad Expo di mercoledì, con bambini dell’asilo accompagnati dai genitori. Da mesi ci siamo preparati alla nostra visita, racconti su cibo, alimentazione, abbiamo fatto amicizia con i vari personaggi che compongono Foody e ce ne siamo innamorati. Ogni giorno che passava i bambini erano sempre più impazienti di conoscere dal vivo tutti i personaggi e partire per la famosa gita tanto attesa. Mai ci saremmo immaginati di trovare un luogo magnifico come Expo. Ho pensato questo post in modo che possa essere utile a tutti i genitori o insegnanti che ancora non sono stati in visita a Milano. Ecco quindi i miei consigli:

  • Arrivare ad Expo con il treno è molto comodo, la fermata é vicinissima alla biglietteria e si entra facilmente. Per chi, come me, é arrivato ad Expo in pullman consiglio ingresso Sud Merlata. Una volta scesi dal pullman serve camminare per circa un kilometro e mezzo prima di arrivare alla biglietteria, una volta superato l’ingresso ( regolato con le stesse precauzioni di quando si va in aereoporto) c’è ancora un bel pezzo da fare a piedi, circa 15/20 minuti, ma questa volta sopra un ponte coperto che porta direttamente dentro il sito espositivo. 
  • Per bambini importantissimo avere vestiti comodi e un cappello per proteggersi dal sole. 
  • Una volta entrati da Sud Merlata e aver superato la camminata, finalmente possiamo dire di essere dentro Expo. In lontananza vedrete L’Albero della Vita, meraviglioso. 
  • Al centro del decumeno potete scegliere se andare a destra o sinistra, in base ai padiglioni che desiderate visitare ma quello che più interessa i bambini é senza dubbio il Children Park che si trova a nord-ovest rispetto al sito, guardando la cartina sarà facile arrivarci. 

Il children Park é un percorso dedicato ai bambini, con particolare attenzione ai temi della sostenibilità, riciclo, riutilizzo dell’acqua e alimentazione. Serve prenotarsi per il percorso del parco quindi consiglio di farlo per non rischiare di non riuscire ad entrare vista la grande affluenza. I bambini sono stati emozionati ed entusiasti di completare tutto il percorso.  

 

 riciclare acqua per far vivere le piante  
raccogliere acqua piovana per dar da bere alle piante  grazie ad un sensore il corpo del bambino diventa un albero e muovendo le braccia si muovomo i rami sullo schermo  basta scrivere un messaggio e lanciarlo nella piscina . ogni bimbo pescherà  il messaggio del bambino arrivato prima.   frutta gigante da toccare, scavalcare e saltare  

Per quanto riguarda noi adulti, il sito vale la pena visitarlo. In un giorno non si riesce a visitare più di 4-5 padiglioni, c’è una grande coda in quasi tutti e bisogna munirsi di pazienza e voglia di camminare. Io sono rimasta colpita da dettagli e particolari davvero stupendi. Non pensavo fosse così grande ma la stanchezza della sera paga la bellezza di questa bella gita fatta con i bambini. 

In gita, dopo la visita al Children Park, sono riuscita a visitare davvero poco ma lascio qualche foto che vale la pena guardare. 

   
  

         

    Annunci

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...